L'anno 2019 è stato segnato dal rinnovo del Consiglio di fondazione. Si annovera quale nuovo membro, indipendentemente da organizzazioni e fornitori, Jean-Luc Moner-Banet, CEO di Loterie Romande. Dal 2012 al 2018 è stato presidente della World Lottery Association (WLA). Dal 2008 era membro del Comitato Esecutivo di WLA e dal 2009 al 2012 è stato membro del Comitato Esecutivo delle Lotterie Europee (EL). Dopo essere rimasto vacante per diversi anni, anche il posto per la rappresentanza dei servizi a valore aggiunto è stato occupato dal signor Markus Schürpf, amministratore delegato di Twister Interactive AG. Twister è il principale fornitore di servizi di applicazione televisiva sul mercato svizzero ed è responsabile delle applicazioni interattive della televisione svizzera. A causa delle dimissioni dei due rappresentanti dei fornitori di servizi di telecomunicazione alla fine dell'anno precedente, anche queste due posizioni hanno dovuto essere nuovamente occupate. Swisscom è ora rappresentata nel Consiglio di fondazione da Melanie Schefer Baeker e Sunrise da Marcel Huber.
Il vicepresidente della Fondazione, Michele Lanza, direttore dell'Istituto di software dell'Università della Svizzera Italiana, è stato vicerettore dell'Università fino alla fine dell'anno. In agosto, la signora Anne Christine Fornage è stata nominata professore ordinario al Centre de diritto privato della Facoltà di diritto, delle scienze criminali et dell'amministrazioni pubblica dell'Università di Losanna. In ottobre, la signora Sophie Michaud Gigon è stata eletta dal popolo vodese come loro rappresentante nel Consiglio nazionale. A nome del Consiglio di fondazione mi congratulo con le nostre amministratrici fiduciarie per il loro successo professionale e politico.

Il Consiglio di fondazione ha seguito con interesse i dibattiti parlamentari sulla revisione parziale della legge sulle telecomunicazioni, che costituisce la base per nuove regole nel settore delle telecomunicazioni. La protezione dei consumatori è stata rafforzata e la neutralità della rete è stata sancita dalla legge. In linea di principio, tutti i dati dovrebbero essere trattati allo stesso modo quando vengono trasmessi via Internet.

Il Consiglio di fondazione si è inoltre occupato della questione della fusione tra Sunrise e UPC Svizzera, che alla fine non si è concretizzata.

Come l'anno precedente, anche nel 2019 si registrerà un calo dei casi di conciliazione e delle richieste. La ragione per questa diminuzione è stata la tassa di procedura di CHF 20.-, per caso introdotta a metà anno, e le soluzioni concilianti proposte dai fornitori di servizi di telecomunicazione alle richieste dei clienti. Quando questa tendenza di diminuzione del numero di casi si è manifestata, l'Organo di conciliazione ha adottato misure adeguate in materia di risorse ed è stato in grado di adeguare il personale in base alle fluttuazioni naturali. Come di consueto, può offrire i suoi servizi in tutte e tre le lingue ufficiali.

Il Tribunale amministrativo federale ha stabilito in marzo che l'Organo di conciliazione è soggetto alla Legge federale sul principio di trasparenza dell’amministrazione (LTras) e deve quindi pubblicare i dati statistici con i nomi dei fornitori - dopo aver soppesato i vari interessi in gioco.

Il Consiglio di fondazione ringrazia l'Ombudsman, Oliver Sidler, e il suo team per il lavoro professionale svolto nell'ultimo anno nell'ambito dell'Organo di conciliazione.

Corina Casanova


Relazione annuale 2019