You've successfully subscribed to Organo di conciliazione delle telecomunicazioni
Great! Next, complete checkout for full access to Organo di conciliazione delle telecomunicazioni
Welcome back! You've successfully signed in.
Success! Your account is fully activated, you now have access to all content.
Organo di conciliazione

Che cosa facciamo? Cosa non facciamo?

Che cosa fa l'Organo di conciliazione delle telecomunicazioni?

L'Organo di conciliazione delle telecomunicazioni tenta di trovare una soluzione bonaria nel momento in cui un cliente si trova a dover affrontare un problema giuridico di natura civile con un fornitore di servizi di telecomunicazione o a valore aggiunto.

L'Organo di conciliazione delle telecomunicazioni ha la competenza nei i casi che riguardano le controversie legate alla telefonia fissa o mobile, al servizio internet o a qualsiasi altro supporto di trasferimento di dati, quando i suddetti servizi sono fatturati da un fornitore di servizi di telecomunicazione. Sono di nostra competenza, ad esempio, i conflitti che riguardano le fatture telefoniche, la violazione in ambito della protezione dei dati personali, i servizi a valore aggiunto (costi elevati per i numeri con il prefisso 090x…), i messaggi multimediali indesiderati (MMS) dal contenuto penalmente rilevante, il blocco della linea telefonica, il servizio clienti insufficiente o scadente di fornitore di servizi di telecomunicazione o a valore aggiunto.

Cosa non fa l'Organo di conciliazione delle telecomunicazioni?

L'Organo di conciliazione delle telecomunicazioni non è competente nei seguenti casi:

  • quando è già stata avviata una procedura giudiziaria;
  • quando la controversia riguarda la concessione o il rifiuto di autorizzazioni di diritto pubblico;
  • quando il problema riguarda la costruzione e la gestione di impianti d’antenna;
  • per le questioni riguardanti gli interessi interni e in materia di lavoro di un fornitore;
    quando la richiesta prevede la redazione di una perizia;
  • per il rilascio di informazioni giuridiche che non riguardano lo svolgimento del procedimento presso l'Organo di conciliazione;
  • per il controllo generale delle pratiche contrattuali dei fornitori, a meno che questo non avvenga in relazione ad un caso di conciliazione concreto.

Chi è l'Organo di conciliazione?

Ombudscom è un organo di conciliazione indipendente e neutrale per le questioni che riguardano i servizi di telecomunicazione. È a disposizione del cliente e dei fornitori di servizi di telecomunicazione o a valore aggiunto ed ha il compito di trovare una soluzione soddisfacente per entrambe le parti coinvolte.

Ombudscom è una fondazione. I fondatori di ombudscom sono UCP Svizzera Sagl , Salt Mobile SA, Sunrise Communications SA e Swisscom (Svizzera) SA, la SAVASS (Swiss Association Value Added Services), le associazioni per la protezione dei consumatori Kf (Konsumentenforum), FRC (Fédération Romande des consommateurs) e l’Associazione consumatrici e consumatori della Svizzera italiana (ACSI). La fondazione ombudscom garantisce l’assoluta indipendenza e neutralità dell'ufficio di conciliazione. La fondazione sottostà alla sorveglianza dell’UFCOM.

L'Organo di conciliazione è presieduto da un conciliatore (ombudsman), il quale non sottostà a nessuna direttiva del consiglio di fondazione e non rappresenta alcun interesse.

Come può l'Organo di conciliazione rimanere neutrale e indipendente se è finanziata dai fornitori di servizi di telecomunicazione o a valore aggiunto?

L'Organo di conciliazione è una fondazione ed il dovere principale del Consiglio di fondazione è quello di garantirne l’indipendenza. Inoltre, l'Ufficio federale delle comunicazioni (UFCOM) è l'autorità di sorveglianza dell'Organo di conciliazione e come tale si deve assicurare della sua completa neutralità, nonché del fatto che l'Organo di conciliazione agisce e può agire in modo indipendente. Oltre a ciò, un organo di conciliazione può lavorare a lungo termine con successo solo se la sua indipendenza è credibile. Questo implica uno proseguimento consapevole e neutrale dell’attività lavorativa.